AQP F@cile
 









In primo piano

 

Acqua: risparmiare si può !
Avviata la campagna di AQP per un uso consapevole della risorsa idrica






loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
Bilancio di sostenibilità 2015

“Siamo consapevoli – si legge nella lettera agli stakeholder del Presidente De Sanctis - che la Sostenibilità costituisca da sempre un elemento chiave dei valori e dei principi della Società, che da sempre svolge un ruolo fondamentale nella gestione di un bene prezioso e limitato come l’acqua, ruolo che è testimoniato dal costante impegno per tutela del territorio, per l’efficienza energetica e la salvaguardia ambientale, il dialogo costante con le comunità ed i territori nei quali opera”.

Il Bilancio di Sostenibilità 2015 di Acquedotto Pugliese è il secondo Bilancio di Sostenibilità della Società redatto secondo le norme del Global Reporting Iniziative, ed in particolare seguendo lo standard “G4 Sustainability Reporting Guidelines”. 
Anche quest’anno il Bilancio di Sostenibilità è stato sottoposto a revisione al fine di verificare il rispetto dei principi di reporting e del livello di informazioni di sostenibilità previsti dalle linee guida GRI-G4.

Il valore aggiunto distribuito al territorio
Nell'esercizio 2015 il Valore Aggiunto Globale Lordo generato per gli stakeholder è stato pari a circa 242 milioni di euro.

I benefici indiretti per la collettività
Gli investimenti realizzati, oltre a consentire il raggiungimento degli obiettivi stabiliti, hanno determinato un beneficio indiretto per la collettività, quantificabile per il solo 2015, in oltre 1,7 miliardi di Euro. Nel triennio ultimo, i benefici sono stati 5,6 miliardi di Euro.

Fornitori e appalti
Coerentemente con l’obiettivo fissato lo scorso anno di introdurre, tra i requisiti di qualificazione e/o selezione dei fornitori, il possesso di certificazione dei sistemi di gestione ambientale e della sicurezza, è stato rivisto il Regolamento Albo Fornitori. Dimezzate le spese di iscrizione per le imprese in possesso delle certificazioni ambientali e OHSAS 18001.
Nel 2015 è stato registrato un incremento rispetto all'anno precedente: 
  • del 55% degli importi a base d’asta delle gare bandite, per un ammontare di circa 510 Mln di euro;
  • del 85% del valore delle gare aggiudicate, per un ammontare di circa 246 Mln di euro.

Qualità dell’acqua
In tema di qualità del servizio fornito ed in particolare dell'acqua distribuita, nel 2015 nei laboratori di AQP sono state effettuate sulle acque potabili 444.753 analisi su 25.619 campioni, ovvero circa 1.210 analisi parametriche al giorno su 66 campioni prelevati ed analizzati in media giornalmente.
Alcuni principali indicatori di potabilità sono, inoltre, controllati in tempo reale attraverso un sistema di telecontrollo.
La purezza dell'acqua è, infine, garantita da ulteriori stazioni di disinfezione complementari posizionate sui principali nodi della rete.

Clienti
Coerentemente con l’obiettivo di migliorare il servizio all'utenza, nel corso del 2015 sono stati sviluppati sistemi informativi innovativi per migliorare le relazioni con i clienti come AQPRisponde.
Inoltre, si segnalano:
  • il Progetto per la telelettura dei misuratori e per il monitoraggio dei consumi delle utenze idriche intestate al Comune di Bari;
  • il Progetto di telegestione multiservizio di misuratori di gas e acqua, condotto su una parte delle utenze della città di Bari in partnership con Amgas SpA ed Enel Distribuzione.

Personale
Sono state erogate oltre 82 mila ore di formazione che hanno coinvolto il 91 % dei dipendenti di Acquedotto Pugliese. Il miglioramento qualitativo del personale è, infatti, punto di partenza imprescindibile e trasversale alla realizzazione della mission aziendale.
Si è tenuta la seconda edizione del “Laboratorio Culturale sul tema della Donna”, organizzato dall'AQP WATER ACADEMY con l'intento di sviluppare una relazione sinergica di ascolto attivo tra persone che operano nella stessa collettività, anche al fine di integrare le attività formative orientate allo sviluppo della professionalità, con quelle dedicate al benessere lavorativo in Azienda.

Relazioni Esterne
Nel corso del 2015, sono strati sottoscritti protocolli d’intesa per l’avvio di stabili relazioni con le principali Società di gestione del Servizio Idrico Integrato che operano all'interno del Distretto Idrografico dell’Appennino Meridionale: Gori, Molise Acque, Alto Calore Servizi, Acquedotto Lucano.
Avviate, altresì, attività internazionali attraverso joint venture, partecipazioni a gare internazionali e accordi bilaterali.

Le iniziative per una cultura dell’acqua bene comune
Il 24 aprile, centesimo anniversario dell’arrivo dell’acqua a Bari, nello scenario suggestivo della monumentale fontana di piazza Umberto I, è stato allestito il “Water Village”, animato da eventi culturali e spettacolari.
La giornata si è aperta con una rievocazione storica del primo zampillo (“E venne… l’acqua”), affidata alla regia di Nico Cirasola, al talento degli alunni del liceo classico “O. Flacco” e alla simpatia dell’attore Gianni Ippolito. Le marce eseguite dalla fanfara della Terza Regione Aerea hanno preceduto i saluti istituzionali delle autorità: il vertice aziendale di Acquedotto Pugliese S.p.A., il Governatore della Regione Puglia, il Sindaco di Bari, il Direttore Generale di Banca Apulia, e i Rettori dell’Università e del Politecnico di Bari.
Dal 27 febbraio al 14 giugno 2015 il Palazzo dell'Acquedotto ha ospitato la mostra “Duilio Cambellotti. Le grazie e le virtù dell’acqua”. 
L'evento espositivo ha narrato il lungo percorso artistico dell’autore, attingendo alle raccolte di materiali esistenti presso il palazzo dell'Acquedotto, musei, fondazioni, collezioni private, attraverso oltre centoventi opere tra dipinti, disegni, illustrazioni, sculture, ceramiche, vetrate, mobili e bozzetti preparatori per il Palazzo dell’Acquedotto.

Protezione e valorizzazione dell'ambiente
Per quanto riguarda i fanghi di depurazione (circa 216.000 tonnellate nel 2015) si segnala che una parte residuale (3% circa) è stata smaltita nelle discariche regionali mentre il 97% è stato riutilizzato in agricoltura (anche sotto forma di compost).
Nel 2015, il consumo di energia elettrica è stato sostanzialmente in linea con quello dell'anno precedente, in quanto l'effetto positivo del decremento dei volumi idrici complessivamente immessi in rete ha solo parzialmente compensato il maggiore utilizzo di fonti energivore, come gli impianti di potabilizzazione del Sinni e del Locone, a causa del minore apporto delle sorgenti.





Invia ad un amico
Stampa