AQP F@cile
 









In primo piano

 

I nostri sondaggi
Esprimi la tua opinione sul servizio !

Sentenza Corte Cost. n. 335 del 10 ottobre 2008
Elenco degli utenti di Rocchetta Sant’Antonio e Rignano Garganico

AQPrisponde
L'innovativo sistema che risponde a tutte le tue domande

Qualità dell'acqua
Scopri l'acqua che beviamo

Che acqua fa?
Informazioni sulle interruzioni del servizio idrico





loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
Prezzo nell'ATO Puglia


L’art. 21 del D.L. 6 dicembre 2011 n. 201, convertito con modificazioni nella Legge 22 dicembre 2011 n. 214, ha assegnato le funzioni di regolazione e controllo dei servizi idrici all’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico (di seguito AEEGSI) che le esercita con i medesimi poteri ad essa attribuiti dalla Legge 14 novembre 1995 n. 481 recante norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità.

Con la Deliberazione n. 664/2015/R/IDR del 28 dicembre 2015, l’AEEGSI ha approvato il Metodo Tariffario Idrico per il secondo periodo regolatorio (MTI-2) valido per gli anni 2016–2019.

Ai sensi di quanto stabilito dalla successiva Deliberazione AEEGSI n. 918 del 27/12/2017, l’Autorità Idrica Pugliese (AIP), con propria Deliberazione del Consiglio Direttivo n. 31 del 28/06/2018, ha aggiornato il moltiplicatore tariffario per l’ATO Puglia per gli anni 2018-2019, non prevedendo incrementi per l’anno 2018.

Con successiva Deliberazione del Consiglio Direttivo n. 40 del 01/10/2018, integrata dalla Deliberazione n. 46 del 16/11/2018, l’AIP ha definito per l’ATO Puglia l’articolazione tariffaria da applicarsi per l’anno 2018, ai sensi della Deliberazione AEEGSI n. 665/2017/R/IDR del 28/09/2017.

In ottemperanza a tali provvedimenti, Acquedotto Pugliese applica la conseguente articolazione tariffaria, approvata dall’AIP e valida dal 1 gennaio 2018, per i servizi di acquedotto, fognatura e depurazione ai propri utenti dell’ATO Puglia. Si fa presente che le tariffe unitarie riportate nei "Dettagli articolazione tariffaria" sono espresse al netto di IVA.

Tali variazioni hanno effetto anche sulle tariffe applicate ai subdistributori nell’ATO Puglia e nell’ATO Basilicata.







Invia ad un amico
Stampa