AQP F@cile
 









In primo piano

 

I nostri sondaggi
Esprimi la tua opinione sul servizio !

Sentenza Corte Cost. n. 335 del 10 ottobre 2008
Elenco degli utenti di Rocchetta Sant’Antonio e Rignano Garganico

AQPrisponde
L'innovativo sistema che risponde a tutte le tue domande

Qualità dell'acqua
Scopri l'acqua che beviamo

Che acqua fa?
Informazioni sulle interruzioni del servizio idrico





loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
Caratteristiche dell'acqua

La buona qualità dell'acqua è determinata, in genere, dalla gradevolezza e dall'assenza di sostanze nocive per la salute umana. La gradevolezza è accertata dai nostri sensi, mentre la purezza dell'acqua che beviamo è garantita dalle centinaia di controlli che ogni giorno il personale dei laboratori chimici e microbiologici dell'Acquedotto Pugliese effettua in ogni fase del ciclo produttivo.

Personale specializzato preleva campioni dalle sorgenti, dagli invasi, dai pozzi, dalle fontanelle pubbliche, che vengono analizzati nei sei laboratori centrali e periferici (Bari, Taranto, Brindisi, Lecce, Foggia, Vieste), e in quelli presenti presso i cinque impianti di potabilizzazione (Fortore, Sinni, Pertusillo, Montalbano Ionico e Locone).

L'attività di laboratorio si concretizza in 390 mila controlli l'anno. Durante i vari esami, vengono determinati i valori di tutti i parametri, previsti dal Decreto Legislativo n. 31 del 2001. I parametri sono organolettici (colore, odore, sapore), e chimico-fisici (temperatura, pH, conducibilità elettrica, cloruri, solfati, calcio, ecc.) e dipendono essenzialmente dalle condizioni climatiche, geologiche ed idrogeologiche locali.

Si tratta di un'attività ordinaria che garantisce la distribuzione di acqua di ottima qualità, adatta a tutte le fasce di utenza.

A volte però l'inquinamento può essere causato inconsapevolmente dall'utente, per l'inadeguatezza del suo impianto idrico.


Per stabilire gli standard di qualità delle acque potabili è bene considerare vari fattori:

  • l'acqua è un ottimo solvente ed è impossibile trovarla in natura completamente "pura";
  • la presenza nell'acqua potabile di determinati componenti, entro specifici limiti di concentrazione, ne costituisce pregio, perché, oltre a conferire caratteristiche organolettiche positive, contribuisce a rendere l'acqua una sostanza con proprietà nutritive;
  • la quantità di acqua ingerita giornalmente dall'uomo si aggira sui 2 kg circa ed è preceduta solo dall'aria (15 kg ca.) e seguita dal cibo vero e proprio con 1,5 kg ca.
Invia ad un amico
Stampa