AQP F@cile
 









In primo piano

 

I nostri sondaggi
Esprimi la tua opinione sul servizio !

Sentenza Corte Cost. n. 335 del 10 ottobre 2008
Elenco degli utenti di Rocchetta Sant’Antonio e Rignano Garganico

AQPrisponde
L'innovativo sistema che risponde a tutte le tue domande

Qualità dell'acqua
Scopri l'acqua che beviamo

Che acqua fa?
Informazioni sulle interruzioni del servizio idrico





loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
Domande frequenti

A CHI SI RIVOLGE?
Il deposito cauzionale è applicato a tutti i clienti. Sono esclusi dall’addebito: le utenze ad uso pubblico; gli utenti beneficiari di bonus idrico; le utenze domiciliate con consumi inferiori a 500 mc nell’anno solare precedente. Sono previste forme di garanzia alternative al deposito cauzionale per gli usi diversi dal domestico con consumi superiori a 500 mc/anno.

COME SI CALCOLA?
Il deposito cauzionale è determinato dal corrispettivo trimestrale delle quote fisse e di quelle variabili, calcolato sulla base del consumo medio dell'anno solare precedente. In mancanza di consumo storico, il calcolo si basa sul consumo medio annuo per tipologia. Il calcolo viene determinato automaticamente dal sistema.

SONO PREVISTE RIDUZIONI?
Sì. Per gli usi domestici con più di un modulo contrattuale è prevista una riduzione del 40%. I nuovi contratti beneciano di una dilazione in fattura, con l’addebito di tre rate consecutive di importo rispettivamente pari al 50%, 25% e 25% del totale.

IL CALCOLO E’ ANNUALE?
Sì. Il calcolo avviene secondo le modalità su esposte. Per il solo anno successivo, il calcolo del deposito non è eseguito qualora la variazione di consumo non sia superiore al 20%, in più o in meno, rispetto al consumo considerato per il calcolo precedente.

COME VENGONO ADDEBITATE O ACCREDITATE LE SOMME?
Qualora il calcolo del deposito determini un credito a favore del cliente, questo viene restituito con la prima fattura utile. Diversamente, qualora il calcolo evidenzi un debito, lo stesso viene addebitato in due rate nelle successive fatture consumi.

PRODUCE INTERESSI?
Il deposito cauzionale è fruttifero e quindi, in caso di restituzione, viene maggiorato degli interessi legali, con l’aliquota vigente. La decorrenza degli interessi avviene dal pagamento del deposito e comunque non antecedente il 1° giugno 2014, data di entrata in vigore del nuovo metodo di calcolo.

PUO’ ESSERE UTILIZZATO PER COMPENSARE MOROSITA’?
Sì. In tal caso, il deposito cauzionale viene ricostituito e addebitato nella prima fattura utile.

COSA AVVIENE PER I DEPOSITI VERSATI PRIMA DEL 1° GIUGNO?
I depositi cauzionali già versati saranno nuovamente calcolati e le eventuali differenze, se a debito per l’utente saranno rateizzate nelle successive due fatture consumi, diversamente saranno restituite con la prima fattura utile.


COME SI CALCOLA IL DEPOSITO PER UN MODULO DOMESTICO?
Esempio di calcolo effettuato con le tariffe 2014 per una nuova utenza come di seguito indicata:
  • Tipologia di utenza: uso domestico
  • Tariffa applicata: domestico
  • Servizi: acquedotto, fognatura e depurazione: refluo domestico
  • Moduli contrattuali/Unità immobiliari: 1 (200 L/g)
  • Consumo annuo calcolato (dell’anno solare precedente): 300 mc

Si eseguono in sequenza i passaggi di seguito indicati:

a) Calcolo su base annua dell’importo dei servizi
Si calcolano prima le quote fisse, in base al numero dei moduli, poi si effettua il calcolo delle quote variabili del servizio di fognatura, depurazione e acquedotto, in base al consumo annuo calcolato ed alle tariffe 2014 come riportato nella tabella:



b) Calcolo dell’importo del deposito rapportando l’importo annuo dei servizi al trimestre (90 giorni)
Importo deposito cauzionale = € 678,50 / 365gg * 90gg = € 167,30 

Si precisa che, qualora i moduli siano più di 1, oltre a rapportare il calcolo su esposto al numero dei moduli contrattuali, all'importo totale ottenuto è prevista l'applicazione dell'abbattimento del 40%.

Si precisa che, qualora il contratto sia solo idrico, il calcolo su indicato sarà effettuato solo sulla quota fissa acqua e sulla quota variabile acqua.



Invia ad un amico
Stampa