AQP F@cile
 









In primo piano

 

I nostri sondaggi
Esprimi la tua opinione sul servizio !

Sentenza Corte Cost. n. 335 del 10 ottobre 2008
Elenco degli utenti di Rocchetta Sant’Antonio e Rignano Garganico

AQPrisponde
L'innovativo sistema che risponde a tutte le tue domande

Qualità dell'acqua
Scopri l'acqua che beviamo

Che acqua fa?
Informazioni sulle interruzioni del servizio idrico





loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
Bonus Acqua

Acquedotto Pugliese S.p.A. (AQP) è impegnato sin dal 2012 nell'attuazione delle normative nazionali e dei provvedimenti regionali a favore delle famiglie che versano in condizioni di disagio economico e sociale.

A tal proposito, con il Protocollo d’Intesa sottoscritto in data 21 giugno 2012 tra Regione Puglia, Autorità Idrica Pugliese (AIP), ANCI Puglia ed AQP, questa Società ha avviato la concessione delle agevolazioni tariffarie alle utenze deboli del SII nell’ATO Puglia a partire dall'annualità 2012 con l’iniziativa denominata “Bonus Idrico Puglia”.

A livello nazionale, con Deliberazione n. 897/2017/R/IDR del 21 dicembre 2017, l’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico (AEEGSI, ora diventata Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente – ARERA) ha istituito il Bonus sociale idrico per la fornitura di acqua agli utenti domestici economicamente disagiati, ai sensi dell’art. 3.1 del DPCM 13 ottobre 2016.

In particolare, sono previste due tipologie di “Bonus Acqua”:

  • Bonus Sociale Idrico (nazionale): dal 1 luglio 2018 è possibile richiedere, direttamente ai Comuni ed ai CAF abilitati, il bonus sociale idrico per la fornitura di acqua, al fine di ridurre la spesa per il servizio di acquedotto delle famiglie in condizione di disagio economico e sociale. Tale bonus consente di ottenere un’agevolazione per un quantitativo minimo vitale di acqua a persona, fissato in 50 litri al giorno per persona (18,25 mc di acqua all'anno), corrispondenti al soddisfacimento dei bisogni essenziali.
  • Bonus Idrico Integrativo (locale): ad integrazione del bonus sociale idrico nazionale, l’Ente di Governo dell’Ambito (EGA) territorialmente competente può prevedere il mantenimento delle agevolazioni migliorative locali ovvero introdurre condizioni di miglior favore rispetto a quelle minime previste dalla regolazione nazionale, tramite il bonus idrico integrativo (attualmente non previsto dagli EGA competenti territorialmente per questa Società).



Sezioni apposite con relativa documentazione sono disponibili ai seguenti indirizzi:







Invia ad un amico
Stampa