In primo piano

 

La voce dell'acqua
Il trimestrale gratuito che racconta il viaggio dell'acqua

MyAQP aggiorna
Iscriviti alla news letter di Acquedotto Pugliese




loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
Locomotive Jazz Festival





L’Acquedotto Pugliese e l’amministrazione di Corigliano “duettano” in chiave jazz

Gli impianti storici dell’Acquedotto Pugliese di Corigliano saranno la suggestiva ribalta, mercoledì 27 luglio, del Locomotive Jazz Festival, l’originale rassegna che, dal 25 luglio al 4 agosto, propone, in alcune delle località tra le più belle del Tacco d’Italia, dal Gargano al Salento, una serie di eventi di elevato spessore artistico, all’insegna della musica, del teatro e dell’approfondimento culturale.

Il programma della serata prevede, alle ore 20,30, presso il “serbatoio basso” dell’Acquedotto, una passeggiata sonora, in collaborazione con l’Industria Filosofica, mentre alle 21,30, un concerto di Simona Bencini con Mario Rosini, impegnati in un originale omaggio al padre della musica afro-americana Duke Ellington.

L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra l’Amministrazione comunale di Corigliano e l’Acquedotto Pugliese: la conferma di un antico e fecondo rapporto finalizzato alla raccolta e distribuzione delle acque potabili nell’area salentina. 

La struttura è costituita principalmente da un serbatoio pensile di interesse storico, risalente agli anni ‘30.  Alto 40 mt, viene alimentato da 2 impianti di sollevamento e da pozzi del bacino idrico di Corigliano. Da questo impianto parte l’alimentazione idrica a beneficio del basso Salento, sponda Adriatica, sino a Santa Cesarea Terme. Oltre 450 litri al secondo, che costituiscono una delle principali fonti di approvvigionamento dell’area. 

Ideata e diretta da Raffaele Casarano, esponente della nuova generazione di jazzisti italiani, Locomotive Jazz Festival -che vanta, quest’anno, alcune delle presenze musicali più significative sullo scenario nazionale, da Noemi a Irene Grandi, insieme ad alcuni mostri sacri della ribalta internazionale, come Gonzalo Rubalcaba con il suo Volcan Trio - ha per tema #Jazzgame, come illustrato dal manifesto di Francesco Cuna, con la grafica di Alessandro Sicuro: un soldato che, invece delle armi, imbraccia una tromba. Un tentativo di esorcizzare gli spettri e le ansie del presente attraverso il jazz, espressione musicale e artistica forgiata sul dialogo e sull’integrazione culturale.

Simona Bencini, voce solista dei “Dirotta su Cuba”, autrice di brani di straordinario successo, e Mario Rosini, pianista pugliese di raffinatezza stilistica, si ritroveranno sullo stesso palco, a Corigliano, dopo l’esperienza di “Duets”, per un sentito e accattivante omaggio a Duke, il padre nobile del sound afro americano.

Un’occasione da non perdere per tutti i jazzofili e gli appassionati della buona musica, che l’Acquedotto Pugliese, da sempre vicino ai territori e alle popolazione servite, è ben lieto di offrire.



Invia ad un amico
Stampa