In primo piano

 

La voce dell'acqua
Il trimestrale gratuito che racconta il viaggio dell'acqua

MyAQP aggiorna
Iscriviti alla news letter di Acquedotto Pugliese





loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
Comunicati stampa


21/12/2012
La BEI concede un mutuo di 150 milioni di Euro per gli investimenti.

E' stato perfezionato oggi a Bari un finanziamento di 150 milioni di euro della Banca europea per gli investimenti (BEI) a favore di Acquedotto pugliese.

Per la BEI era presente il Vice Presidente Dario Scannapieco, responsabile per le operazioni in Italia, Malta, Balcani Occidentali e Grecia; per Acquedotto Pugliese l'amministratore unico Gioacchino Maselli; e infine per la Regione Puglia, azionista unico di AQP, il Presidente Nichi Vendola.

Tale finanziamento contribuirà all'attuazione del Piano d'Ambito 2010-2018 che prevede investimenti per oltre 1,4 miliardi di Euro.

Nel dettaglio, gli investimenti programmati da AQP puntano a ridurre ulteriormente le perdite, mantenere l'efficienza delle opere gestite, garantire la qualità delle acque, aumentare la dotazione idrica pro-capite, incrementare la copertura del servizio idrico e fognario, rendere più efficiente il processo di depurazione delle acque.

Il tasso fisso del mutuo (da stabilire sulla base delle condizioni di mercato al momento dell'effettiva erogazione) sarà particolarmente favorevole rispetto alle condizioni di mercato.

Il rimborso del debito avverrà con un piano di ammortamento con rate semestrali fino a dicembre 2017. Il mutuo concesso dalla BEI all'Acquedotto Pugliese – in seguito ad una attenta fase di verifica durata 6 mesi – è la conferma dei buoni risultati gestionali conseguiti da AQP negli ultimi anni. Il finanziamento della BEI per AQP è il primo prestito diretto della BEI per il servizio idrico integrato nel Sud d'Italia a 13 anni dal prestito di 36 milioni alla rete idrica di Palermo.

"Con questo finanziamento sosteniamo una infrastruttura fondamentale per il Mezzogiorno italiano, un'area che è storicamente al centro delle politiche di finanziamento della Banca dell’Unione Europea", ha commentato Scannapieco, "nelle regioni del Sud la nostra operatività si concentra, oltre che sulle grandi opere, anche nel finanziamento dei programmi operativi regionali e, in particolare negli ultimi anni, nei prestiti alle piccole e medie imprese attraverso le partnership con le banche italiane. Anche nel 2013 saremo a fianco dell'economia delle regioni del Mezzogiorno per sostenerle nel processo di uscita da questa lunga, pesante crisi", ha aggiunto.



Stampa      Indietro