In primo piano

 

La voce dell'acqua
Il trimestrale gratuito che racconta il viaggio dell'acqua

MyAQP aggiorna
Iscriviti alla news letter di Acquedotto Pugliese





loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
Comunicati stampa


02/10/2009
Al via il rimboschimento di macchia mediterranea nell'area di Gioia del Colle (Bari) in occasione del raddoppio del serbatoio di Marzagaglia.

L'Acquedotto Pugliese, tra i maggiori player a livello nazionale nella gestione del ciclo idrico integrato, ha dato il via ai lavori di riforestazione di un'area nell'agro di Gioia del Colle, in Provincia di Bari. L'area del rimboschimento, di tre ettari, è pari a quasi 8 campi da calcio.

L'iniziativa viene promossa in vista del completamento dei lavori per il "raddoppio" del serbatoio di Marzagaglia di cui l'Acquedotto Pugliese dispone nella Provincia di Bari e che permetterà di accrescere la capacità di accumulo fino a circa 200.000 metri cubi di acqua, contribuendo ad ottimizzare il funzionamento dell'intero sistema acquedottistico di interconnessione tra uno dei cinque schemi idrici di cui si compone (quello del Pertusillo-Sinni) e il canale principale.

L'ampliamento del serbatoio, che ha impegnato investimenti per complessivi 24,2 milioni di Euro, consentirà una più efficiente gestione del servizio idrico in tutta la Puglia centro meridionale, che conta un bacino di utenza di oltre 2 milioni di cittadini.

Dal punto di vista industriale il progetto si inserisce nel più ampio e imponente programma di ammodernamento che l'AQP sta conducendo dal 2007 per il miglioramento della rete idrica, attraverso investimenti che solo nel 2008 sono stati di oltre 200 milioni di Euro.

Il rimboschimento segue la logica e gli obiettivi propri della selvicoltura naturalistica, tendendo alla creazione di una cenosi forestale che per composizione, struttura e densità si avvicini il più possibile a caratteristiche di naturalità.

L'iniziativa rientra nella politica di impegno verso l'ambiente, doveroso per chi come l'Acquedotto Pugliese, si occupa della fornitura di un bene prezioso e pubblico come l'acqua.

Una politica che, oltre alla riforestazione appena inaugurata, prevede un piano di acquisti "verdi" per la riconversione di almeno il 30% delle forniture in prodotti eco-compatibili, la realizzazione di impianti per la produzione di energia pulita (fotovoltaici, eolici e idro-elettrici) ed il riutilizzo dei fanghi di depurazione sotto forma di ammendanti di qualità per uso agricolo.

Informazioni sull'area oggetto del rimboschimento

L'agro di Gioia del Colle rientra all'interno del Sito Natura 2000 Murgia Alta, proposto Sito di Importanza Comunitaria nel 1995 e designata Zona di Protezione Speciale nel dicembre 1998.

Un territorio che pur essendo stato in epoca recente fortemente modificato dall'opera dell'uomo, non ha perso il suo valore naturalistico, rappresentato oggi dai boschi di latifoglie con dominanza di Quercus trojana Webb e per la presenza di habitat prioritari di formazioni erbose secche seminaturali, facies coperte da cespugli su substrato calcareo con notevole fioritura di orchidee, percorsi steppici di graminacee e piante di Thero-Brachypodietea.

Mediante l'uso di ecotipi locali delle specie arboree e arbustive presenti nelle formazioni boschive locali, si intende così ricostituire una superficie boscata, contribuendo a una sorta di "ricucitura" paesaggistica delle aree forestali e dei lembi residuali di vegetazione naturale e seminaturale dispersi nel mosaico territoriale, in un'area per gran parte dominata dall'attività agricola.




Stampa      Indietro