In primo piano

 

La voce dell'acqua
Il trimestrale gratuito che racconta il viaggio dell'acqua

MyAQP aggiorna
Iscriviti alla news letter di Acquedotto Pugliese





loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
Comunicati stampa


03/02/2010
Premiati i protagonisti di "Visioni d'Acqua", il primo concorso riservato a cortometraggi che festeggiano l'acqua come bene per la vita.

Nel corso di una simpatica cerimonia che si è tenuta oggi a Bari, nella suggestiva cornice del Palazzo storico dell'Acquedotto Pugliese, sono stati consegnati i premi ai vincitori di "Visioni d'acqua" il primo concorso per corti girati con il videofonino, riservato ai ragazzi del IV e V anno delle scuole medie superiori.

"Il nettare della vita" girato dagli alunni del Liceo Artistico De Nittis di Bari ha vinto la categoria "montati". Un corto suggestivo inneggiante al valore dell'acqua, bene comune dell'umanità. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente "L'acqua che non c'è più" a cura dell'Istituto Scientifico Galilei di Mafredonia e "Ne qua ne la ma nell'acqua" realizzato dai ragazzi dell'Istituto Guglielmo Marconi di Bari.

Per la categoria "in presa diretta" si è aggiudicato il primo posto "Gocce", realizzato dai ragazzi del Liceo Scientifico Canudo di Gioia del Colle (Bari). Pochi secondi contrassegnati da una forte intensità emotiva contro lo spreco del prezioso liquido. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente "L'assenza" prodotto dai ragazzi del Liceo Scientifico Fermi di Bari e "Matrimonio salvato... Inquinamento e spreco dimezzato", siparietto comico in due parti per la promozione del corretto uso dell'acqua girato dagli alunni del Liceo Scientifico Ilaria Alpi di Rutigliano.

"Pro capite", dei ragazzi del Liceo Scientifico Salvemini di Bari è risultato il più cliccato su YouTube aggiudicandosi così il premio degli appassionati della rete.

In palio vi erano videocamere, videofonini e lettori Mp4.

La giuria era composta da Eugenio Iorio, Direttore della Comunicazione Istituzionale della Regione Puglia, Giovanni La Coppola, dirigente del Ministero della Pubblica Istruzione, Alberto De Leo, Direttore del Consorzio Cinemarca, Andrea Costantino, regista e dal Responsabile delle Relazioni Esterne e della Comunicazione dell'Acquedotto Pugliese.

"Il successo dell’iniziativa – ha commentato l'Amministratore Unico dell'Acquedotto Pugliese, Ivo Monteforte - indica una forte coscienza nei giovani circa le sorti del nostro/loro futuro e grande sensibilità verso temi che nei prossimi anni detteranno l'agenda della politica mondiale. Noi di Acquedotto Pugliese non ci tiriamo certo indietro, consapevoli delle nostre responsabilità verso un bene comune quale è l'acqua. Proprio per questo ci accingiamo ad investire nel prossimo decennio un miliardo e mezzo di Euro per potenziare e risanare il sistema idrico potabile pugliese. Un impegno in continuità con i lusinghieri risultati conseguiti in questi ultimi anni".

"Attraverso manifestazioni come questa - ha commentato Fabiano Amati, Assessore alle Opere Pubbliche dell a Regione Puglia - si riesce a parlare con le giovani generazioni, utilizzando il loro stesso linguaggio, scandito dalla tecnologia più innovativa. É importante che, attraverso strumenti di così largo utilizzo, molti giovani abbiano avuto la possibilità di riflettere sul tema dell'acqua e del suo uso responsabile. L'iniziativa promossa da Aqp ha saputo cogliere il giusto punto di contatto con i giovani, presentando una manifestazione che ha stimolato la loro fantasia su una tematica che in questo modo hanno potuto comprendere più a fondo. Rendere dei ragazzi protagonisti attivi di una riflessione sul bene acqua e sul suo utilizzo responsabile è stata certamente un'idea vincente e propositiva; iniziative di questo genere sono più formative di mille discorsi nozionistici che rischiano di rimanere sterili per la mancanza di coinvolgimento. Non escludo poi che la grande inventiva, la colorata creatività e il tipico genio giovanile possano essere per noi anche di insegnamento e possano farci comprendere come i giovani pugliesi vivono e si approcciano al problema. Stiamo sfruttando bene un'ottima occasione di scambio e di confronto".




Stampa      Indietro