In primo piano

 

La voce dell'acqua
Il trimestrale gratuito che racconta il viaggio dell'acqua

MyAQP aggiorna
Iscriviti alla news letter di Acquedotto Pugliese





loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
Comunicati stampa


25/01/2011
Atti vandalici contro i depuratori: danni per un milione di Euro

Ennesimo furto perpetrato nei confronti degli impianti di depurazione gestiti da Acquedotto Pugliese a servizio del territorio. I danni hanno raggiunto la cifra record di 1 milione di Euro solo nell'ultimo anno.

Questa notte ignoti si sono introdotti nell'impianto di depurazione consortile a servizio degli agglomerati urbani di Grottaglie e Monteiasi ed hanno asportato le linee elettriche di potenza principali.

L'atto vandalico sta causando il fermo totale dell'impianto che al momento non è in grado di svolgere il servizio di depurazione delle acque. I tecnici, intervenuti tempestivamente sul posto prevedono che il depuratore tornerà a funzionare regolarmente entro le prossime 72 ore, salvo ulteriori imprevisti tecnici.

Decine i furti e gli atti vandalici perpetrati nei confronti di Acquedotto Pugliese nell'ultimo anno solare. Ai danni di carattere economico, che al momento ammontano a circa 1 milione di Euro, si aggiungano quelli ambientali. Il depuratore, infatti, è un presidio sanitario a tutela del territorio e della qualità di vita complessiva dell'area servita, con l'esclusivo compito di restituire al loro ciclo naturale e con modalità compatibili e rispettose dell'ambiente, le acque provenienti dalle abitazioni dei cittadini allacciate regolarmente alla pubblica fogna. Questi atti criminali, pregiudicando il regolare funzionamento degli impianti causano notevoli danni all'ambiente consentendo il rilascio di reflui non trattati correttamente, quando non trattati affatto.

Acquedotto Pugliese ha sviluppato e sta implementando sistemi di sicurezza e di controllo puntuale dei depuratori anche con dispositivi di telecontrollo in remoto, a garanzia di una sempre maggiore sicurezza dei sistemi. Rivolge, altresì, un accorato invito alle autorità pubbliche preposte al presidio del territorio per un impegno massimo. La sempre maggiore frequenza degli atti criminali, infatti, impone e pone seri interrogativi sulle modalità di tutela di questo servizio pubblico di primaria importanza, a tutela del territorio e dell'ambiente che Acquedotto Pugliese svolge quotidianamente con oltre 180 impianti dislocati nell'intera regione.




Stampa      Indietro