In primo piano

 

La voce dell'acqua
Il trimestrale gratuito che racconta il viaggio dell'acqua

MyAQP aggiorna
Iscriviti alla news letter di Acquedotto Pugliese





loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
Comunicati stampa


26/07/2011
Depurazione: Nel 2010 investiti 22 milioni di Euro complessivi. Migliorati tutti gli indicatori di qualità del refluo.

Oggi 26 luglio, Acquedotto Pugliese ha aperto al pubblico l’impianto di depurazione delle acque di Gallipoli (Lecce) e ospitato una delegazione nazionale di Legambiente, in occasione dell’approdo dello storico veliero Goletta Verde nella cittadina jonica. Le decine di visitatori hanno così conosciuto ed avuto modo di apprezzare le molteplici attività di Acquedotto Pugliese a difesa dell’ambiente.


I depuratori, infatti, sono presidi sanitari a tutela del territorio e della qualità di vita complessiva dell'area servita, con l'esclusivo compito di restituire al loro ciclo naturale e con modalità compatibili e rispettose dell'ambiente, le acque provenienti dalle abitazioni dei cittadini allacciate regolarmente alla pubblica fogna.


Acquedotto Pugliese gestisce un parco depuratori tra i più grandi e più evoluti d’Italia sia dal punto di vista tecnologico sia dal punto di vista della qualità del refluo restituito, utilizzando oltre alla tradizionale tecnologia a fanghi attivi con sedimentazione classica, quella a membrana e sperimentando soluzioni per il trattamento alternative ed eco-sostenibili come testimoniato dalla realizzazione dell’impianto di fitodepurazione più grande d’Italia a Melendugno. Progetto vincitore del premio nazionale “Pianeta Acqua” 2011.


Dal 2009, inoltre, AQP favorisce il riutilizzo dei fanghi prodotti dal processo trasformandoli in ottimo compost e terriccio per l’agricoltura. Una nuova modalità di sviluppo delle proprie attività rispettosa dell’ambiente ed eco-compatibile.


Un impegno continuo che ha contribuito solo nel 2010, anche a fronte di interventi realizzati per complessivi 22 milioni di Euro, al raggiungimento di importanti risultati in termini di miglioramento del refluo trattato e restituito all’ambiente. Tutti i parametri di processo dal 2008 sono in costante miglioramento (come mostrato nel grafico in coda, nel quale sono riportate le percentuali di abbattimento dei principali indicatori di qualità del refluo ed i quantitativi di fanghi prodotti e smaltiti).


In particolare, il depuratore di Gallipoli, attivato nel 2002, serve i Comuni di Gallipoli, Alezio, Sannicola e Tuglie. Restituisce al mare acque correttamente trattate e rispettose dei rigorosi limiti imposti dalla normativa nazionale.


La qualità del lavoro svolto nell’impianto permette lo smaltimento totale dei fanghi prodotti dal processo depurativo direttamente in agricoltura come fertilizzanti.


Nel 2010 AQP ha investito nel depuratore oltre 500.000,00 (cinquecento mila) Euro. Ulteriori investimenti sono previsti nel 2011 per garantire il mantenimento degli alti standard funzionali.






Stampa      Indietro