In primo piano

 

Lina Goccina
Una allegra passeggiata nel mondo dell'acquedotto

FontaninAPP
Scopri l'applicazione che ti porta dalle fontanine di Puglia

Nina la fontanina racconta
La storia di Pugliabella e del suo acquedotto




loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
L'Acqua prima del suo Acquedotto
Quando la Puglia visse la medievale epopea del vivere in grotta, la civiltà rupestre del silenzio e della frescura, fu meno assetata da quell'ingegnoso ancorché rudimentale sistema di grondaie, caditoie, scorrimenti, un acquedotto senza canali che da Gravina a Massafra, da Laterza a Mottola, faceva sempre arrivare l'acqua dove doveva esserci, schivando le insidie del calcare eternamente pronto ad inghiottirla verso il misterioso immane groviglio di laghi e fiumi sotterranei, l'oceano di acqua su cui galleggia una terra senza acqua come la Puglia. E anche sulle cummerse, i tetti appuntiti di Locorotondo come in un paese di Andersen, l'acqua purissima di Dio doveva scivolare per essere raccolta. Così è nato tutto il sistema dei pozzi, così si sono gonfiate quelle falde sotterranee ora esauste dal continuo succhiare l'acqua. E ora neanche nelle case di campagna esistono più le cisterne di un tempo, perché si è persa l'arte di raccogliere e conservare l'acqua del cielo. Acqua sempre più scarsa, perché infine anche il buon Dio si è seccato di tanta imprevidenza umana.


Testo di Pasquale Satalino tratto da: "L'acqua e il suo Acquedotto" - Mario Adda Editore - Bari



Invia ad un amico
Stampa