In primo piano

 

Lina Goccina
Una allegra passeggiata nel mondo dell'acquedotto

FontaninAPP
Scopri l'applicazione che ti porta dalle fontanine di Puglia

Nina la fontanina racconta
La storia di Pugliabella e del suo acquedotto




loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
Glossario
Nansen (bottiglia di) = bottiglia per il campionamento di acqua in profondità. Esclude il rischio di inquinamento da parte di acque situate a quote superiori durante il recupero.

NEPA (National Environmental Protection Agency) = Ente Nazionale di gestione dell'ambiente degli Stati Uniti d'America.

Nave antinquinamento = nave progettata ed equipaggiata per la lotta contro l'inquinamento marino (vedi). È generalmente fornita di una benna per "spazzar via" i rifiuti più grossi, di attrezzature per il recupero degli idrocarburi (vedi)e di apparecchiature per spargere sulla macchia di petrolio (vedi) i disperdenti. Questi ultimi sono prodotti tensioattivi (vedi) che danno origine a gocce di dimensioni diverse, in modo che parte degli idrocarburi venga dispersa e parte emulsionata. Tali prodotti non devono essere dannosi per la flora e la fauna marine e per la costa.

Nave geofisica = (vedi Nave sismica)

Nave posatubi = piattaforma galleggiante per la posa di condotte sottomarine (vedi). È dotata di stazioni di saldatura, controllo e rivestimento dei tubi. Un componente fondamentale della nave è il sistema di tensionamento, che permette di calare in mare la condotta, mano a mano che viene aggiunto un tubo, riducendo le sollecitazioni dovute alla flessione. La capacità del sistema di tensionamento di una nave è il criterio base della sua scelta per un particolare progetto. Le navi più grandi hanno fino a tre tensionatori, per una tensione totale fino a 100 tonnellate. Per la posa delle sezioni profonde del gasdotto Transmed (Trans Mediterranean Pipeline) tra Capo Bon e Mazara del Vallo (3 pipelines da 20", fino a 600 metri d'acqua, 3 miliardi di dollari), ad esempio, è stato usato il lay vessel "Castoro Sei" della Saipem, una piattaforma galleggiante semisommergibile, lunga 150 metri, in grado di resistere a onde di 25 metri e ad una velocità del vento di 180 Km/ora.

Nave sismica = nave utilizzata per effettuare rilievi sismici in mare. Le più diffuse sono le navi sismiche ad elevata tecnologia, appositamente costruite per eseguire rilievi sismici marini, a costi unitari notevolmente ridotti. Ogni nave sismica può avere più sorgenti e più cavi sismici marini (vedi) che vengono trascinati con continuità, 24 ore al giorno, anche per uno o due mesi, senza necessità di ritorno in porto, disponendo di una piattaforma di atterraggio per elicotteri, che provvedono al trasporto di persone, viveri, parti di ricambio. Le navi ad alta tecnologia dispongono di un sistema integrato di navigazione che permette a 2 navi di operare appaiate, in quanto una nave (master) guida anche l'altra. In tal modo, essendo il numero teorico di linee sismiche acquisibili dato dal prodotto del numero di sorgenti per il numero degli streamers, con 2 navi gemelle, ciascuna con 2 array di sorgenti e 2 streamers, si possono ottenere 16 linee sismiche, ad ogni passaggio. Le navi sismiche, in fase operativa, sono autorizzate ad esporre la segnalazione di "allontanarsi per nave in difficoltà". Una nave sismica dotata anche di gravimetro e magnetometro (vedi voci corrispondenti) per la registrazione del campo gravimetrico e del campo magnetico terrestri (vedi voci corrispondenti) è detta nave geofisica (exploration vessel).

Necton = termine introdotto da Haeckel nel 1890 per indicare l'insieme degli organismi acquatici dotati di propria rilevante capacità di nuoto (pesci, cefalopodi, mammiferi marini, ecc.) e conseguentemente di spostamento autonomo.

Nematodi = i nematodi sono vermi dal corpo cilindrico di colore biancastro o trasparente. Vivono in qualunque ambiente, generalmente come parassiti. Come tali vivono in vari ospiti, tra i quali c'è anche l'uomo, provocando molte malattie.

NEPA = (vedi National Environmental Protection Agency)

Neritico = zona di ambiente marino situata entro la platea continentale (vedi) e comprendente le baie costiere e la piattaforma stessa.

Neutralizzazione = l'azione chimica attraverso la quale una soluzione acida o basica è resa neutra (cioè né acida, né basica) per aggiunta, rispettivamente, di una base o di un acido. In generale, si intende un processo utilizzato per rendere innocuo un agente chimico tossico.

Nicchia ecologica = concetto astratto che riunisce tutte le esigenze di un organismo o, in senso lato, di una specie, ovvero tutte le condizioni ambientali (temperatura, umidità, pH, salinità, ecc.) e le quantità delle risorse necessarie alla sua sopravvivenza.

Nitrati = i nitrati sono composti a base di azoto e ossigeno, derivati dell'acido nitrico e molto diffusi in natura, sia nel terreno che nei vegetali, anche in quelli di largo consumo. I nitrati vengono comunemente impiegati come conservanti; i nitrati di potassio, sodio, ammonio e calcio sono utilizzati come fertilizzanti.

nm (nanometro) = vedi SI (Sistema Internazionale di unità di misura)

Noduli polimetallici = i minerali non si trovano solamente nel sottosuolo terrestre. Sono presenti anche nei fondali marini ed in quantità decisamente superiore rispetto alle riserve terrestri. I noduli polimetallici sono concentrazioni di più minerali (grandi quantità di manganese e ferro, con minori quantità di sodio, calcio, stronzio, rame, nichel ed altri) in masse aventi forma sferica situati, appunto, nelle profondità del mare.

Non metallo = si dice "non-metallo" o, impropriamente, "metalloide" quell'elemento chimico che abbia caratteristiche non proprie dei metalli, come l'opacità, la non duttilità, l'essere un cattivo conduttore termico ed elettrico, ecc. Se combinato con un metallo, genera un composto solido detto "lega". In chimica, un non-metallo si può combinare sia con ossigeno che con un acido, generando rispettivamente degli ossidi basici e dei sali.

Normative antinquinamento = le attuali norme, relative alla tutela delle acque dall'inquinamento, traggono origine dal D. Lgs. n.152 dell'11 maggio 1999 e successive modifiche, e sono state adottate per adeguarsi all'esperienza via via maturata e per recepire le direttive della Cee emanate in materia. Il Decreto n.152 ha per oggetto:
-il rilevamento sistematico delle caratteristiche qualitative e quantitative dei corpi idrici. Tratto saliente del provvedimento è l'aver sottoposto a controllo - sia sotto il profilo dell'obbligo di autorizzazione preventiva, sia del regime sanzionatorio - ogni attività di scarico di sostanze, indipendentemente dalla qualità del corpo recettore (ad esempio, acqua di balneazione, falda sotterranea, ecc.). Le problematiche relative alla protezione del mare sono state affrontate per la prima volta con la legge 31 dicembre 1982, n. 979. La legge affidava al Ministro della Marina mercantile il compito di attuare la politica intesa alla protezione dell'ambiente marino e dedicava, fra l'altro, un complesso di norme relative al pronto intervento per la difesa del mare e delle zone costiere dagli inquinamenti da idrocarburi causati da incidenti. Inoltre, la legge vieta lo scarico in mare, da natanti, di idrocarburi, di miscele di idrocarburi e sostanze nocive.
-l'organizzazione dei pubblici servizi di acquedotto, fognatura e depurazione;
-la disciplina degli scarichi di qualsiasi tipo nelle acque superficiali e sotterranee, interne e marine sia pubbliche sia private, nonché in fognature, sul suolo e nel sottosuolo, individuando limiti di accettabilità delle concentrazioni dannose;
-la formulazione di criteri generali per l'utilizzazione e lo scarico delle acque in materia di insediamenti;
-la redazione di un piano generale di risanamento delle acque (vedi), sulla base di piani regionali.

Nutrienti = l'insieme dei composti, sia organici (vedi), sia inorganici (vedi) necessari alla sopravvivenza delle specie. In particolare, per i microrganismi (vedi), si intendono i composti contenenti azoto e/o fosforo.

Invia ad un amico
Stampa