In primo piano

 

Lina Goccina
Una allegra passeggiata nel mondo dell'acquedotto

FontaninAPP
Scopri l'applicazione che ti porta dalle fontanine di Puglia

Nina la fontanina racconta
La storia di Pugliabella e del suo acquedotto




loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
Un ombrello per cappello

Giocatori: sei per volta, con un conduttore.
    
 
Occorrente: cartoncino spesso, forbici, spago e bicchieri di carta. Acqua a volontà e ostacoli da spargere per il campo di gioco.
    
 
Preparazione: si ritagliano sei dischi di cartoncino spesso, del diametro di una ventina di centimetri, e si incolla sopra a ciascuno di loro un bicchiere di carta, nella metà anteriore del disco. Si fanno due buchi nel cartoncino dietro al bicchiere, a quattro dita uno dall'altro nei pressi del centro del disco, e si fa passare un pezzo di spago lungo un metro attraverso i due buchi, in modo che le sue estremità penzolino al di sotto del disco. Sei giocatori indossano questi buffi copricapi, appoggiandoli sulla testa e allacciando lo spago sotto al mento. Il conduttore riempie d’acqua i sei bicchieri e il gioco ha inizio.
    
 
Regole: al “Via!” i giocatori attraversano il campo, superando una serie di ostacoli sparpagliati in precedenza dal conduttore, che li aspetta dall’altra parte del terreno di gioco. Man mano che un giocatore arriva a destinazione, il conduttore controlla quanta acqua ha ancora, riempie di nuovo il bicchiere e fa ripartire il giocatore, che torna indietro superando di nuovo, uno dopo l’altro, tutti gli ostacoli. Quando tutti i giocatori sono tornati al punto di partenza, il conduttore misura un’altra volta l’acqua nei loro bicchieri e somma, per ognuno di loro, le due quantità di acqua portate a destinazione durante il viaggio di andata e durante quello di ritorno.
    
 
Vince: il giocatore che ha perso meno acqua per strada.
     
  
Invia ad un amico
Stampa