In primo piano

 

Lina Goccina
Una allegra passeggiata nel mondo dell'acquedotto

FontaninAPP
Scopri l'applicazione che ti porta dalle fontanine di Puglia

Nina la fontanina racconta
La storia di Pugliabella e del suo acquedotto




loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
Scorrimento
Nel ciclo idrologico lo scorrimento delle acque superficiali ha una parte importante. "Scorrimento" viene detta quella frazione della precipitazione che compare in ultimo sotto forma di corsi d'acqua superficiali, avente carattere perenne e intermittente. Esso è il flusso che si raccoglie per la maggior parte entro un bacino idrografico, del quale appare come lo scarico o lo sbocco. A seconda della sorgente da cui deriva il flusso, lo scorrimento può essere superficiale e sotterraneo più o meno profondo. 

Dopo che l'acqua di precipitazione ha imbevuto il suolo, una parte di essa può infiltrarsi in profondità nella zona di aereazione fino alla falda freatica, diventando così acqua profonda. L'acqua profonda deriva, anche per piccole quantità da alcune sorgenti secondarie d'acqua localizzate nella crosta terrestre. Tra queste sorgenti vi è "l'acqua fossile" che è rimasta racchiusa nelle rocce di sedimentazione sin dal tempo della loro formazione e "l'acqua giovanile", che si è formata per via chimica entro la terra e che è stata portata alla superficie per la prima volta dall'attività vulcanica. A causa della loro origine, le acque fossili e giovanili hanno spesso un contenuto minerale.

L'acqua profonda è in continuo movimento: in confronto, però, con l'acqua di superficie essa si muove più lentamente e in maniera assai più varia. Può scorrere ad una velocità che va da qualche millesimo di centimetro al giorno nei suoli e in alcune rocce permeabili a grana sottile fino a qualche chilometro al giorno nelle formazioni geoliche fessurate. Il movimento delle acque profonde è necessario per il completamento del ciclo idrologico. L'acqua profonda, inoltre, non si presta soltanto ad addivenire altra parte del ciclo idrologico, ma rientrare essa stessa in ciclo. Vicino alla falda freatica, il periodo medio del ciclo delle acque può essere di un anno a anche meno, ma in zone acquifere di profondità, inoltre, si trovano delle acque fossili, di elevata concentrazione salina, con periodi di ciclazione dell'ordine delle ere geologiche, tali da escluderle dal ciclo idrologico attivo.

Enciclopedia del Novecento - Ven Te Chow - Edito dall'Istituto dell'Enciclopedia Italiana - Treccani

Invia ad un amico
Stampa